Seguimi sui Social Network

Magazine

Magazine



Archivio Magazine

 

 

14/1/2020 

VALERIA VACCARO. RINASCERE DALLE CENERI DI UN'ILLUSIONE

 Immagini

 

 

 

Valeria Vaccaro, artista trentenne di Torino, corre con naturalezza sul filo teso da Duchamp tra la tradizione dell'Arte e la prosa banale degli oggetti semplici. Quegli oggetti, cioè, che, finita la loro capacità di essere utili per qualche uso, sono destinati alla sparizione dalla sfera dell'interesse e delle azioni umane. Gli oggetti scelti da Valeria sembrano stare li, fermi nella loro posizione sul bordo dell'Arte, indifferenti anche alla stanchezza del pubblico verso un'altra prova che si può essere artisti con qualunque cosa a portata di mano. Un pubblico, però, inconsapevole del raffinato inganno che l'artista gli sta preparando.

Quelli di Valeria, oltretutto, sono oggetti sfrontatamente inservibili. Nemmeno se tornassero nell'ambiente delle cose comuni ci si riapproprierebbe di loro con qualche utilità. La defunzionalizzazione di Duchamp era solo simbolica: orinatoio, scolabottiglie e ruota di bicicletta avrebbero potuto tornare al loro posto una volta soddisfatta l'intellettuale voglia di invocare il caos da parte dell'artista, se quei prodotti non fossero andati smarriti o sistemati sui piedistalli dei musei. Valeria, invece, li raccoglie da un destino comune, quello d'essere per lo più materiale combusto e consumato, inadatto agli usi per i quali erano stati creati. Usura e bruciature sono il segno di una temporalità che si aggiunge alla piatta presentazione delle cose, prendendo forma nella vaghezza di un racconto appena intuibile, velato. La cronaca sugli oggetti, d'altra parte, è poco importante, perché anch'essa potrebbe rivelarsi una vicenda di nessun conto, come una sigaretta accesa gettata imprudentemente sopra un pallet o su una cassa di legno. Più profondo, invece, è il formarsi del sentimento di un tempo che comanda la brevità nella vita delle cose. Che il tempo bruci ogni essere, anche l'uomo, sembra il pensiero assorto di un operaio sedotto dalla fiamma che la sua sigaretta ha provocato in un momento di riposo dal lavoro. Una riflessione appena più sofisticata può ricordare anche come il fuoco estingua le forme per rigenerarle nella materia, evocando il mito della Fenice che risorge dalla sua stessa cenere. Le parti incenerite assumono, così, un senso universale, adombrando una fatalità identica per l'uomo di ogni epoca, dall'antico pagano fedele ai miti a quello contemporaneo, e di ogni luogo, come suggerisce un'analogia con l'Oriente delle filosofie zen, quando il monaco ripara i cocci rinsaldati di una ciotola dorando le giunture per fissare nel manufatto l'immagine eterna della fugacità, dell'imperfezione e del cambiamento nelle cose terrene.

Intanto, il benevolo inganno che Valeria preparava per il pubblico assuefatto alla confusione organizzata dell'Arte Contemporanea si sta consumando. Se la stressante velocità sensoriale di oggi ha reso distratta la percezione, basta l'attimo di curiosità, il punto focale di un'attenzione più intensa, per accorgersi che gli oggetti osservati non ci sono affatto. Il loro posto è un'illusione. Davanti a queste opere la vista confonde il tatto, la forma viene trasformata erroneamente in sostanza, le sembianze in materia. Quei futili rifiuti di legno bruciato sono, in realtà, scolpiti nel nobile materiale del marmo, con tale perizia tecnica da parte dell'artista che qualcuno potrebbe pensare di estinguere quanto resta dei mozziconi di candela riaccendendoli, ovvero di sollevare con disinvoltura le casse vuote per gettarle tra gli altri rifiuti, trovando l'ostacolo di un peso massiccio, che al tatto risulta solido e freddo come la pietra.

Le sculture di Valeria sono un enigma stratificato e beffardo. Mentre sembrano contaminare il mondo dell'arte con oggetti umili, lo purificano tornando alla materia più nobile della tradizione; mentre disingannano sull'eternità delle cose, rendono eterni, incidendoli nella pietra, i segni della consunzione; mentre alludono alla trasformazione della materia, arrivano a insinuare che tutto ciò che vediamo, materia compresa, è immaginazione.

 

 

 

 

 

 That which remains, 2015, marmo bianco di Carrara e inchiostri, 170x200x200 cm

 

 

 

That which remains, 2015, marmo bianco di Carrara e inchiostri, 170x200x200 cm

 

 

Handle with care, 2018, 400x350x167 cm, marmo bianco di Carrara e inchiostri

 

 

 

 

Handle with care, 2018, 400x350x167 cm, marmo bianco di Carrara e inchiostri

 

 

 

Vaccaro, Valeria, Handle with care XS, 2019, marmo bianco di Carrara e inchiostri, 57x31,5x31,5 cm particolare

 

 

 

 Marmiferi 10, 2019, marmo bianco di Carrara e inchiostri

 

 

 

 

Marmiferi 5, 2018, marmo bianco di Carrara e inchiostri

 

 

 

 

Valeria Vaccaro

 

 

 

 

Letter dittico 1, 2019, marmo bianco di Carrara e inchiostri, 17x11x0,3  cm cad.

 

 

 

 

 3 Urban platform burned, 2018, 80x60x45 cm, marmo bianco di Carrara e inchiostri

 

 

 

Urban platform burned  particolare, 2018, 80x60x15 cm, marmo bianco di Carrara e inchiostri

 

 

 

 

  

Archivio Magazine

Cosimo Veneziano. Le storie che non avete detto...

Giusepppe Penone. Le metà specchiate di uomo e natura

Scegliere un nuovo futuro: A Pick Gallery

Dall'argilla all'algoritmo. Tecnologie di apparizione del reale

The Phair in un autoscatto. Intervista a Roberto Casiraghi

Davide Balliano. Dentro una spirale temporale: tra arcaismo e modernità

The Piedmont Pavilion. Identità di luogo per una commedia veneziana

Equilibrium. La pax italiana sul pluralismo della scultura

FLASHBACK 2018. L'arte non ha tempo e altri racconti

Nalini Malani. Lo stato liquido del tempo e della violenza

Ugo Nespolo. Distrarre le stelle colorando i numeri

Aurore Valade. Identità multiple dalle collezioni messicane

Francesca Romana Pinzari. Ogni volta la fine delleternità

Giorgio De Chirico. Visioni metafisiche del nulla

Zonarte. Manuale di educazione all'Arte Contemporanea

Alves e Durham per Worldly Practices

Tommaso Tosco: la luna nel sole, la terra nell'uomo

Paolo Icaro. L'artista e lo spazio: un corpo unico

Elena Modorati e Simone Scardino: le voci della luce

Piero Gilardi: Rivolta per i diritti del Vivente

Filippo di Sambuy. Svasti: segno e purificazione

Davide Balliano: Spirali tecniche del tempo ottico

Esodi e Conflitti: in fuga per Calais, in fuga da Calais

Mike Nelson: Nell'oltremare disfatto

Eccentric spaces. L’Epos delle mutazioni spaziali

Harun Farocki. L'apoteosi del virtuale per restituirci alla realtà

Ed Atkins. Il soggetto infranto tra desiderio e fobia virtuali

Ri-creazioni: una cosmologia fotografata da Mario Cresci

Curated by(?): La collezione Patrizia Sandretto tra gusto e cultura

Giovanni Anselmo. Povero Concettuale


È peculiare all'Arte di inventare menzogne che elevano il falso alla più alta potenza affermativa. Gilles Deleuze.